Richmond Practice - Viaggiare in aereo in gravidanza: come prepararsi per un volo sicuro

topleft
topright
Viaggiare in aereo in gravidanza: come prepararsi per un volo sicuro

Dott.ssa Giada Frontino, Medico Specialista in Ostetricia e Ginecologia.

Fino alle 6 settimane di gravidanza - 32 in caso di gravidanza gemellare - in genere le compagnie aeree accolgono le gestanti senza problemi, ma con regole che possono variare da compagnia a compagnia. Molte, per esempio, dopo le 28 settimane richiedono un certificato medico, in cui si dichiari che mamma e bambino sono in buona salute e non ci sono rischi particolari di complicazioni e di parto prematuro. Se stai programmando un viaggio in aereo, la cosa migliore da fare è chiamare la compagnia, per avere tutte le informazioni.

Se la gravidanza è fisiologica - cioè non ci sono complicazioni particolari - il volo è considerato sicuro, anche su lunghe distanze. L'ideale, comunque, sarebbe limitarsi a spostamenti che non durino più di quattro ore.

Le donne gravide dovrebbero ricevere delle vaccinazioni di viaggio soltanto se urgentemente necessarie o in ben definite situazioni. Tutti i vaccini vivi attenuati sono controindicati; gli altri vaccini sono probabilmente sicuri, ma in taluni casi mancano dati al riguardo. La decisione di vaccinare dipende quindi da una valutazione approfondita dei rischi e dei benefici derivanti dalla vaccinazione.

Molte mamme credono che le radiazioni emesse dai metal detector possano far male al bambino. Invece si può stare tranquille: come ricordano le recenti Linee guida del Royal College of Obstetricians and Gynaecologists (RCOG), "i normali controlli di sicurezza non sono considerati rischiosi né per la donna, né per il bebé". Anche la radiazione cosmica non rappresenta un maggiore rischio per il bambino.

Per quanto viaggiare in aereo sia tendenzialmente sicuro, il fatto di dover rimanere a lungo seduti può comportare un aumento del rischio di trombosi venosa profonda, in pratica la chiusura di una vena dovuta alla formazione di un coagulo. Questo vale per tutti, ma è chiaro che l'attenzione si concentra in particolare sulle donne in gravidanza, che hanno già un minimo ma fisiologico aumento del rischio di trombosi .

A meno che non siano presenti altri fattori di rischio, come pressione alta o sovrappeso, le probabilità che si verifichino questi eventi sono comunque molto basse, ma è possibile limitarle ancora di più con qualche piccolo accorgimento:
  • indossa scarpe e abiti comodi, per non bloccare la circolazione del sangue.
  • all'atto della prenotazione richiedi una poltrona in prima fila o sul lato corridoio: così potrai godere di maggiore libertà di movimento, e fare spesso qualche passeggiata.
  • anche da seduta, fai periodicamente qualche movimento di stretching o piccoli movimenti circolari con le dita dei piedi e le caviglie.
  • bevi molta acqua, per mantenere un buono stato di idratazione.
  • evita bevande contenenti alcol o caffeina.
  • indossa calze contenitive: puoi chiedere al tuo medico di consigliare quelle più adatte a te.
  • evitare il volo in velivoli piccoli e privi di cabina pressurizzata.

Consulta il tuo medico o la tua ostetrica se:
  • hai dubbi o hai bisogno di consigli riguardo al viaggio che vorresti fare
  • hai perdite di sangue, il diabete gestazionale o la pressione arteriosa alta
  • hai avuto precedenti parti prematuri • hai bisogno di consigli sulle vaccinazioni
  • hai bisogno di consigli sul comportamento in viaggio

A +richmond practice le nostre dottoresse specialiste in Ginecologia e Ostetricia Dr Giada Frontino e Dr Katharina Schramm sono inoltre specializzate in medicina maternofetale e sono in grado di darvi consigli in gravidanza. Per prenotare un appuntamento potete chiamare lo 020 8940 5009 oppure contattarci mail@richmondpractice.co.uk.
 

Appointments

Guaranteed 10 min response
(in business hours)






Make an appointment >>